Lucrezia Trione

Nata a Bari il 25 settembre 1973 da mamma svedese e papà barese. Professione assistente di volo Alitalia da 22 anni, moglie e mamma di 3 bambini ( di cui uno Angelo in cielo). Viaggio da quando sono nata e viaggiare, si sa, apre la mente e insegna più di quanto si possa imparare a scuola, sui libri. Ma è anche vero che leggere è come viaggiare!
Ho studiato al liceo classico O. Flacco di Bari e la mia insegnante di italiano ogni anno ci dava una sfilza di libri da leggere… E io non li leggevo! Sbirciavo dalle antologie i riassunti dei classici: ero troppo impegnata ad essere una normale adolescente col fidanzatino, amante dello sport, della vita in campagna e studiavo il minimo sindacale. Mia madre è sempre stata una grande divoratrice di libri, da quando ero piccola ho un’immagine di lei che in qualsiasi momento della giornata, con gli occhiali sul naso, imparava l’italiano con la settimana enigmistica oppure era di testa in qualche enciclopedia (per cercare le soluzioni ai cruciverba) oppure con un libro in mano. Penso che sia stato il suo esempio inconsciamente a portarmi in età adulta ad avere una fame di lettura insaziabile: ogni tanto mi rileggo quei classici che non ho mai letto quando avrei dovuto! È insieme a lei, mia sorella ed altre amiche con le quali ci scambiavamo spesso libri, conoscendo i reciproci gusti, che è nato il nostro salotto letterario. Una domenica ogni due mesi ci riuniamo nei salotti di casa con the e pasticcini parlando dei libri letti e scambiandoci pareri e spunti di lettura.

Condividi suShare on Facebook
Facebook